The Shadow of the Wind

The Shadow of the Wind - Carlos Ruiz Zafón,  Lucia Graves
All'inizio questo libro era così lento che credevo non sarei riuscito a farmelo piacere, poi per fortuna improvvisamente tutto è cambiato e ho iniziato veramente ad interessarmi alle vicende di Julian e compagni. Di Daniel invece, purtroppo, me ne è sempre importato molto poco. Non perché fosse un codardo inconcludente, ma perché sembrava sempre trascinatod alla corrente e da forze e persone migliori di lui. Si, Daniel era curioso ma non sapeva neanche indirizzare la sua curiosità dalla parte giusta e le sue uniche reazioni sono davanti alla gnocca di turno (alle gnocche di turno direi, visto che ne passa tre).
Bel libro comunque, nonostante il protagonista noioso, scritto bene ed avvincente.


«Non avvertì alcun dolore. Il colpo lo scagliò contro le vetrate con la vio-lenza di una martellata che spazzò via tutti i suoni e i colori. Un freddo intenso gli serrò la gola e la luce divenne un pulviscolo. Miquel Moliner fece appena in tempo a girarsi verso il suo amico Julián per vederlo fuggire in strada. Aveva trentasei anni, più di quanti avesse mai sperato di vivere. Prima di cadere sul marciapiede coperto di schegge di vetro insanguinato era già morto.»