Wither (Chemical Garden) - Lauren DeStefano
L'idea di base è molto buona, la storia non è sviluppata proprio in maniera perfetta ma a me questo libro è piaciuto.
Dico che non è proprio perfetta perché la maggior parte dei personaggi non sono poi tanto approfonditi, ma soprattutto perché il finale è troppo frettoloso. Lo so che questo sarà molto probabilmente solo il primo libro dell'ennesima trilogia sci-fi per yound adult che ora sembra andare tanto di moda, ma un finale degno di questo nome poteva anche schiaffarcelo in questo libro.
Dei personaggi mi sono piaciute solo Rhime e Jenna, anche se io al posto di Jenna avrei fatto di peggio a Linden.
Il peggio è senza dubbio Linden, perché il padre sarà anche il cattivo della storia ma almeno sa quello che sta facendo e Cecily ha la scusa di essere una bambina ingenua cresciuta in mezzo al nulla e sicuramente troppo piccola per capire anche solo che significa sposarsi.
Linden invece ha superato i 20 anni, come può vivere senza sapere neanche che le sue "spose" non solo non lo amano, ma non lo vogliono e sopratutto che non sono venute lì di loro spontanea volontà? tanta ingenuità, e stupidità, in un adulto non è scusabile sopratutto quando fa soffrire altri. L'amore di Rose non lo salva poi neanche un pò. Ama Rose, certo, però il giorno stesso in cui muore ingravida Cecily che ha appena tredici anni, grande amore il suo.


<< Non significa niente, mi ripeto. Lascerò pure che mi definisca sua moglie, tanto una volta che sarò dall’altro lato del
recinto, questo stupido anellino non significherà nulla. Sarò sempre Rhine Ellery. Provo a convincermi con queste riflessioni, ma la verità è che ho già i sudori freddi. Mi sono già incupita. Linden mi fissa negli occhi, e incrocio il suo sguardo. Non diventerò rossa, non sussulterò e non distoglierò i miei occhi: non voglio piegarmi. >>