Blue (Trilogia delle gemme, #2) - Kerstin Gier, Alessandra Petrelli
Il libro parte talmente a rilento che ho davvero avuto paura che mi avrebbe deluso in pieno, e invece per fortuna poi si riprende dopo una cinquantina di pagine e riesce a tornare molto simile a Red e non mi ha delusa affatto. Gwen, nella sua assurda goffaggine, riesce anche ad essere sopportabile e non è neanche troppo faticoso immedesinarsi in lei mentre si legge la storia cosa che a me non succede mai quando leggo un libro young adult con queste protagoniste sempre scandalosamente belle e sopratutto (cosa che scommetto succede a tutti) ammirate da una schiera pazzesca di ragazzi.
Volevo criticare l'entrata in scena del fantasma, che ha reso l'inizio lento e noioso, ma visto che è importante per spiegare la magia del corvo non posso dire che sia stata una scelta inutile inserirlo nella storia. Aspetto di leggere l'ultimo libro della trilogia adesso, anche se ho paura di aver già intuito alcune cose chiave della trama spero proprio che Kerstin Gier mi sappia stupire ancora.
L'unica cosa che non mi ha permesso di dargli cinque stelline è che la storia decolla si.. ma non come avrei voluto.
Sappiamo qualcosa in più rispetto al primo libro, ma non quanto io speravo e non quando (credo) sarebbe stato saggio raccontare in questo libro e posso solo immaginare che l'ultimo libro di questa trilogia sarà pieno zeppo di informazioni per compensare la carenza di questo. Diciamo che è più approfondita la figura di Gwendolyn, il suo rapporto con Gideon e la sua vita come viaggitrice del tempo e ragazza normale. Non che la cosa non mi piaccia, in realtà non mi è dispiaciuta però avrei preferito avere qualche risposta alla marea di domande che mi hanno assilato fin da quando ho letto Red e che invece tempo rimarrano ancora senza risposta.
Altra chicca finale, mi piacerebbe davvero sentire tutta la filastrocca dei dodici viaggiatori anche se in italiano suona davvero bruttina.. non è colpa del traduttore, immagino, mantenere la rima e il senso hanno portato a rendere la "poesia" un pò troppo da bambini ma sono comunque molto curiosa di sentirla tutta.

<tra i mondi sente i morti cantare,
non conosce la forza, il prezzo ignora,
si leva il potere, chiuso il cerchio è allora.
Il leone - fiero volto di diamante,
incantesimo che offusca la luce folgorante -
al calar del sole arreca mutamento,
la morte del corvo palesa il compimento.>>